Back to press-releases

Comunicato stampa

Trend delle Analytics 2019 secondo Qlik: convergenza, potenziamento e alfabetizzazione dei dati

January 10, 2019

Milano – Il 2019 sarà protagonista di cambiamenti tecnologici più rapidi rispetto al passato che interesseranno chiunque, compresi gli ambienti di lavoro e l’intera società in cui viviamo. Si sta verificando un grande mutamento del luogo in cui il potere risiede. In passato, esso era strettamente legato alla proprietà terriera, per poi passare gradualmente al luogo di produzione, seguendo conflitti e ideologie politiche. Oggi invece assistiamo alla trasformazione di dati e informazioni nella principale fonte di energia.

Secondo filosofi e osservatori però, l'informazione si sta distribuendo in un ristretto numero di soggetti, come per esempio Google e Amazon. Una dozzina di aziende possono alimentare i propri enormi data center hyperscale e partecipare alla corsa agli armamenti di dati e intelligenza artificiale, influenzando settore dopo settore, e secondo alcuni questo potrebbe portare a degli abusi.  Uno degli snodi più decisivi su come si evolverà la società nel XXI secolo potrebbe essere rappresentato proprio dalla centralizzazione o de-centralizzazione dei dati e delle analytics.

In questo scenario, come si comporteranno persone e aziende? Quali decisioni saranno prese in futuro? Di seguito le 10 tendenze che influenzeranno i prossimi 12 mesi secondo Qlik®, leader nella Data Analytics:

  1. Kubernetes diventa maggiorenne, i microservizi diventano lo standard

Uno dei più grandi megatrend di oggi sono i microservizi e Kubernetes. I primi rappresentano un nuovo approccio allo sviluppo di applicazioni in cui un’applicazione più ampia viene costruita come una suite di componenti o con servizi modulari. Kubernetes è un'innovazione tecnologica di grande impatto che può orchestrare e distribuire applicazioni e carichi di lavoro containerizzati.

Quello che prima era monolitico ora viene distribuito e reso scalabile (prima ridimensionando l'hardware, poi l'infrastruttura e i carichi di lavoro). È un modo per accedere ed elaborare i dati localmente e in periferia, raggiungendo luoghi che le piattaforme BI del passato non potevano raggiungere.

I team di sviluppo dei software stanno adottando rapidamente questo approccio. Nell'arco di un anno, è diventato un fattore importante, in cui i team di sviluppo delle app delle imprese ora orchestrano le applicazioni basate su container e richiedono ambienti di produzione Kubernet.

Trend: nel 2019 la maggior parte dei decisori aziendali mirerà ai microservizi e all'orchestrazione dei container come componente architettonica essenziale delle piattaforme BI e Analytics.

  1. Multi-Cloud, ibrido e Edge Continuum

Il passaggio al multi-cloud è in atto. I leader IT stanno ora migrando in modo crescente non solo i loro dati nati nel cloud, ma anche i dati mission-critical che guidano la loro attività. On-demand, storage a basso costo e un ricco ecosistema di strumenti rendono l’opportunità multi-cloud molto avvincente. Tuttavia, a causa del rischio derivante dal lock-in e della poca flessibilità a causa di regolamenti come GDPR, le organizzazioni non centralizzano tutti i dati in un unico luogo.

Oltre alla protezione dei dati, la gestione sul cloud richiede delle regole ben precise che, se non sono organizzate al meglio, possono portare al collasso della struttura. Il passaggio dai data center on-premise e legacy dovrebbe quindi essere fatto secondo un ritmo che permetta alle aziende di sentirsi a proprio agio.

Calibrare e distribuire i dati centralmente su molteplici cloud, così come su servizi ibridi on-premise e cloud continuum, è un ottimo modo per proteggere la struttura. L’edge computing fornisce un complemento decentrato dei moderni data center hyperscale cloud e legacy ed è spesso scelto per motivi di latenza, privacy e sicurezza. Una piattaforma post-moderna dovrebbe essere in grado di gestire dati distribuiti, carichi di lavoro e utilizzo su multi-cloud, ibrido e edge as continuum.

Trend: nel 2019 emergeranno piattaforme in grado di gestire multi-cloud, cloud ibrido e edge as continuum.

  1. La visualizzazione unica di tutti i dati è pronta

Nel 2019, l'attenzione si sposterà dal semplice inserimento dei dati in un unico luogo a un’unica visualizzazione dei dati. La possibilità di avere una visione unica di tutti i dati non è mai stata così importante. I dati provengono da tutte le direzioni, a velocità e formati diversi e poterli controllare sarà uno dei fattori di empowerment e successo nell’era dei dati.

Storicamente, ci sono voluti molti sforzi per arrivare a questo risultato. La scelta di mettere tutti i dati in un unico luogo (magazzino di dati onnicomprensivi o data lake) non è stata sufficiente, e questo sta accadendo di nuovo nel cloud. È un'impresa apparentemente impossibile perché ci saranno sempre nuovi dati in arrivo, e la possibilità di combinare e analizzare i dati all'origine consente l'agilità necessaria in un mondo in rapido movimento. Storicamente, questo ha creato silos di dati e problemi di governance.

Due importanti tendenze renderanno possibile la visualizzazione unica di tutti i dati. Anzitutto, ci sono diversi fornitori che collaborano per standardizzare i modelli di dati uniformando i formati delle fonti di dati. In secondo luogo, e ancora più importante, stanno emergendo i cataloghi di dati aziendali. Accessibili in un hub, questi cataloghi consentono di controllare l'intera proprietà dei dati, offrendo un'esperienza “shop-for-data”. Più gli utenti condividono, collaborano e utilizzano l'hub, più questo diventa prezioso per il business. Inoltre, esso è in grado di collegare la strategia di analytics con la strategia di gestione dei dati aziendali.

Trend: nel 2019, l'attenzione si sposterà dal mettere i dati in un unico posto a ottenere un’unica visualizzazione dei dati

  1. Il concetto di “Analytics ovunque” ridefinsice i processi in tempo reale

Incorporare le analytics nei processi di business non è una novità, ma sta diventando una scelta sempre più diffusa. Gli utenti vogliono inserire le analytics all’interno dei loro flussi di lavoro perchè contribuiscono a rendere i dati più utilizzabili anche in tempo reale. Tutto ciò viene alimentato dall'apprendimento automatico e dall'intelligenza artificiale, che può fornire informazioni contestualizzate e azioni suggerite. È la base delle “analytics continue”, in cui l'analisi in real time verrà integrata gradualmente all'interno dei processi aziendali e nei dispositivi IoT, elaborando i dati per suggerire azioni in risposta agli accadimenti aziendali.

Nei prossimi cinque anni le applicazioni “intelligenti” saranno onnipresenti. Inoltre, le analytics stanno iniziando a ridefinire i processi aziendali. Le nuove tecnologie, come l'automazione dei processi robotizzati e il process mining, guardano al digitale e, partendo proprio da questo, automatizzano ulteriormente o riformulano i processi aziendali. Ad esempio, quando un cliente effettua un ordine per un prodotto online, potrà prendersi cura automaticamente dei processi secondari tra cui ricevere, adempiere e fatturare l'ordine, in un modo più ottimale.

Trend: nel 2019, le analytics saranno più pervasive e addirittura ridefiniranno i processi aziendali

  1. L'ecosistema esterno accelera l'innovazione

La quantità di persone in grado di innovare grazie alla tecnologia è limitata. Ma con un forte ecosistema, la quantità di persone che possono innovare dall'esterno è illimitata. L'innovazione interna ha il vantaggio di un’integrazione stringente. Ma coloro che si trovano vicini al problema da risolvere, possono essere molto più efficaci nel fornire valore di business contestualizzato e guidare la differenziazione nel modo in cui applicano le analytics. Tutto questo non era possibile in passato con gli strumenti di BI chiusi e generici.

Ecco perché le piattaforme aperte con ecosistemi sostituiranno gradualmente quelle chiuse. Nel 2019, il mercato realizzerà definitivamente che le API aperte e le estensioni rappresentano una necessità, poiché l'innovazione da piattaforme aperte con ecosistemi supererà quelle con solo innovazione interna di un fattore 2x. Questo approccio diventa ancora più potente con una pipeline di estensioni dall'esterno verso l'interno, passando da non supportata a certificata e supportata "out of the box". Questa è l'innovazione dell'ecosistema.

Trend: Nel 2019 l'innovazione esterna supererà di due volte quella interna

  1. Le Analytics raggiungeranno i livelli di performance della tecnologia consumer

Le prestazioni vengono spesso sottovalutate quando si devono selezionare gli strumenti da utilizzare. Quando le prestazioni delle query sono buone e la latenza è bassa, i carichi di lavoro analitici vengono eseguiti senza problemi. Se una query richiede più di qualche secondo, gli utenti perdono interesse e smettono di interagire con i dati. Se ci vogliono più di poche centinaia di millisecondi, gli utenti non possono sfruttarlo in un processo aziendale o in un'esperienza di realtà aumentata. In azienda, dato che la tendenza al self-service era già prevista, forse le prestazioni sono state spesso trascurate perché la realizzazione di visualizzazioni su un file flat non richiede molta potenza.

Ma molte soluzioni di BI self-service (spesso denominate "BI moderne") che possono apparire economiche, falliscono quando arriva il momento di ridimensionare più dati, carichi di lavoro e persone. Le prestazioni sono state anche un collo di bottiglia per i grandi dati distribuiti su larga scala e la ragione per cui molti progetti Hadoop non sono riusciti a diventare più di uno storage a basso costo.

Dal momento che le aziende adottano spesso data center hyperscale, le prestazioni stanno diventando sempre più importanti tra i criteri di selezione. Alcune organizzazioni hanno spostato i propri dati attraverso la “ripatriazione” a causa di performance non convincenti. Questo diventa ancora più importante in un'applicazione IoT. Sempre più carichi di lavoro verranno eseguiti localmente o in periferia per evitare la latenza. In breve, le prestazioni efficienti saranno un fattore decisivo per il modo in cui le architetture appariranno: centralizzate o distribuite.

Trend: nel 2019 performance e scalabilità saranno al centro dei criteri di selezione

  1. L’Intelligenza Aumentata rende le Analytics più umane, e non meno

C'è inerzia riguardo l’Intelligenza Artificiale (AI), e per una buona ragione. In questo momento c'è molta attenzione sul fatto che l'AI possa sottrarre lavoro alle persone. Ma è altamente probabile che nel prossimo futuro l'AI incrementerà molti più posti di lavoro di quanti ne toglierà. Questo perché il lavoro non verrà eseguito in prima istanza dagli esseri umani. Nell’analisi dei dati, ciò che viene spesso trascurato è l'enorme divario tra i dati creati e la capacità umana di elaborarli e agire su di essi. C'è anche un divario tra la disponibilità degli attuali strumenti analitici e la loro adozione all'interno delle organizzazioni. Queste lacune possono e devono essere colmate: il risultato di tutto ciò conferirà potere agli umani.

Attraverso la catena del valore delle informazioni - dalla lettura dei dati, alla preparazione, all'analisi critica con meno pregiudizi, alla presentazione di risultati contestuali - l'AI rimuoverà molti dei colli di bottiglia che disincentivano gli utenti. L'apprendimento automatico e la telemetria cattureranno anche la potenza del collettivo, che può essere reimmesso in un circuito virtuoso, migliorando ulteriormente e contestualizzando l'esperienza dell'utente. Il paradosso è quindi che i dati e le analytics diventeranno più umani che mai, grazie all'intelligenza artificiale. Progettare l'intelligenza artificiale intorno agli esseri umani avrà un impatto molto più alto per le aziende nei prossimi 5 anni, piuttosto che fare progetti per eliminare gli umani dal processo.

Trend: nel 2019 l’intelligenza artificiale renderà le  analytics più umane, non meno.

  1. Il Data Storytelling diventa reale per gli utenti business

Non esiste un processo decisionale imparziale. L'emozione è molto più potente della logica quando si prendono decisioni. Molte persone percepiscono i dati come noiosi, ma amano le storie supportate dai dati. Cosa si può fare per introdurre una maggiore proporzione di logica nel mix, ad esempio lasciando che i dati "parlino"? Questo risulta essere molto più attraente rispetto alla mancanza di dati.

Oggi, la maggior parte delle storie sono raccontate da software di presentazione, davvero poco interessanti. Ma dato che la maggior parte delle persone li padroneggia, gli utenti si affidano a esso per far passare il loro messaggio. Nello spazio dati ci sono nuove tecniche a disposizione degli analisti per raccontare storie attraverso visualizzazioni e infografiche personalizzabili.

Negli ultimi tre anni è emersa la narrazione dei dati machine-driven, che offre narrazioni attraverso un linguaggio naturale. Le analytics conversazionali renderanno questo approccio molto più interattivo e accettato. Questi due approcci dovranno essere potenziati da metodi ancora più user-friendly per raccontare storie di dati, in cui i supporti visivi ne aumentano i risultati.

Di conseguenza, le tecnologie di storytelling e presentazione dei dati si uniranno gradualmente per presentare le proprio idee in modo convincente. L'alfabetizzazione dei dati amplierà il pubblico in grado di comprendere le presentazioni. Questo significa che il ruolo di analista di dati e grafico si sovrapporranno sempre più.

Trend: nel 2019 ci sarà una convergenza tra tecnologie visive, conversazionali e di presentazione, facilitando lo storytelling persuasivo.

  1. Alfabetizzazione dei dati: il nuovo KPI

L’alfabetizzazione dei dati (Data Literacy) si sta diffondendo sempre più, anche se fino a poco tempo fa non risultava misurabile. Ed è così che nel 2019 diventerà un indicatore chiave delle prestazioni (KPI). Anche se tutti capiscono che leggere, lavorare, analizzare e discutere con i dati è importante, è stato difficile sapere da dove cominciare.

I meno esperti dovranno partire dalle basi, mentre i data scientist saranno sempre alla ricerca di nuove sfide per superare la noia. Per migliorare l'alfabetizzazione dei dati nelle organizzazioni è necessario innanzitutto determinare a che livello si trova l’azienda nella gestione dei dati.

Stanno emergendo nuovi metodi per misurare e indicizzare l'alfabetizzazione dei dati. Usando questi, le persone e le organizzazioni possono aumentare le competenze in un modo più preciso e mirato. Ciò che è ancora più interessante, è che ora è possibile attribuire un punteggio sull’alfabetizzazione dei dati. Questo è in grado di mostrare l’esistenza di una correlazione diretta tra l'alfabetizzazione dei dati e il valore delle prestazioni aziendali. Questi includono il margine lordo, il rendimento delle attività, il rendimento sul capitale netto e il rendimento delle vendite. Questa correlazione sarà l’elemento cruciale per rendere imprescindibile l'alfabetizzazione dei dati?

La Data Literacy innalza le competenze dal basso verso l'alto e il suo divenire un KPI può aiutare il management a dirigere le prestazioni aziendali dall'alto verso il basso, come iniziativa strategica e differenziatrice. In futuro, avere un punteggio elevato di alfabetizzazione dei dati diventerà probabilmente un criterio per assumere talenti.

Trend: nel 2019 la Data Literacy diventerà un indicatore chiave di performance (KPI) per le aziende

  1. Le piattaforme di Analytics si trasformano in ecosistemi di dati

Tutti parlano di piattaforme, tanto che questa parola ha perso di significato. La struttura della BI e delle analytics può essere un modo utile per capire ciò che costituisce una vera piattaforma. Questo aiuta a comprendere e imparare di più sull'utilità di un artefatto e, cosa più importante, apre le interazioni oltre il concetto di ‘un utente e uno strumento’ o ‘un lettore e un report’.

La BI e le analytics sono più efficaci se considerate come un “sistema” e non semplicemente come una serie di artefatti e strumenti. Una differenza importante è che la singola persona utilizza gli strumenti, ma un insieme di persone partecipa all’interno di sistemi. Un sistema postmoderno contiene molteplici persone con ruoli, capacità o intenzioni differenti. E non sono gli unici. Partecipano anche servizi digitali, bot, agenti intelligenti, estensioni, algoritmi e così via. La diversità e la raffinatezza di questi partecipanti non umani è destinata a crescere astronomicamente nei prossimi anni. Ed è lo scambio e l'apprendimento tra tutti questi partecipanti che incrementa il valore del sistema, aumentando l'intelligenza umana e della macchina al suo interno. Un sistema aperto di autoapprendimento, contenente le 9 tendenze precedenti e che migliorerà con un'ulteriore partecipazione, definirà come saranno le future piattaforme e consentirà la democrazia dei dati e il potenziamento analitico.

Trend: nel 2019, le piattaforme evolveranno in sistemi virtuosi

A proposito di Qlik

La missione di Qlik è creare un mondo all'insegna dell'alfabetizzazione dei dati, dove tutti possono usare i dati per risolvere i problemi più impegnativi. Solo la piattaforma di Qlik per le analytics e la gestione dei dati end-to-end riunisce tutti i dati di un'organizzazione da ogni sorgente, consentendo alle persone con qualsiasi livello di competenza di usare la propria curiosità per scoprire nuove intuizioni. Le aziende utilizzano Qlik per osservare più in dettaglio il comportamento dei clienti, reinventare i processi di business, scoprire nuovi flussi di reddito e bilanciare rischio e rendimento. Con sede centrale a King of Prussia, Pennsylvania, Qlik opera in oltre 100 paesi con più di 48.000 clienti in tutto il mondo.

###

© 2019 QlikTech International AB. Tutti i diritti sono riservati. Qlik®, Qlik Sense®, QlikView®, QlikTech®, Qlik Cloud®, Qlik DataMarket®, Qlik Analytics Platform®, Qlik NPrinting®, Qlik Connectors®, Qlik GeoAnalytics®, Qlik Core®, Associative Difference® e i loghi QlikTech sono marchi registrati da QlikTech International AB in diversi paesi. Altri marchi e loghi citati nel presente documento sono stati registrati dai rispettivi proprietari.

The information provided herein is subject to change without notice. In addition, the development, release and timing of any product or functionality described herein remain at the sole discretion of Qlik and should not be relied upon in making a purchasing decision, nor as a representation, warranty or commitment to deliver specific products or functionality in the future.

Ufficio Qlik per i media

Contatto per i media

Global Communications


Entra in contatto con Qlik